Link alla homepage logo musei di genova header

Fiasella, Domenico

Centro DocSAI, Collezione Topografica e Cartografica
Nome
Nome:
Domenico
Cognome:
Fiasella
Nome completo
Fiasella, Domenico
Altre forme del nome
Nome:
Il Sarzana
Tipologia:
Pseudonimo
Nascita
Luogo di nascita:
Sarzana
Data di nascita:
12 agosto1589
Morte
Luogo di morte:
Genova
Data di morte:
19 ottobre 1669
Occupazione
Pittore
Altre occupazioni, funzioni e attività
Freschista
Data (a)
19/10/1669
Biografia

Domenico Fiasella nacque a Sarzana nel 1589. LA sua formazione cominciò presso Aurelio Lomi, avvicinandosi alla pittura toscana. Episodio cardine della sua formazone fu la permanzenza a roma tra il 1606 e il 1616, che gli permise di conoscere la cutura figurativa romana e le produzioni di numerosi artisti, tra cui Michelangelo Merisi da Caravaggio e Guido Reni. Questi due pittori saranno fonte d'ispirazione per tutta la produzione artitistica successiva.

Nel marzo 1616 ritorna a Sarzana, dove crea le prime opere significative a tema religioso. Poco dopo il 1625 è chiamato da Giacomo Lomellini a relizzare le decorazioni ad affresco di Palazzo Lomellini-Patrone, oggi situato in Largo Zecca 2. Il ciclo Lomellini, in cui intervegono anche Giovanni e Giovanni battista Carlone, è la più ampia opera su muro di Fiasella, oltre che la più estesa e complessa. Dal 1630 in poi Fiasella è uno dei pittori più richiesti e pagati della città e gli vengono assegnati numerosi incarichi pubblici, realizzando parte dell'immagine pubblica della città. 

Dal 1640 in poi la sua bottega diventò un punto di riferimento per i giovani genovesi che intendevano dedicarsi alla pittura: tra i suoi allievi si possono citare Valerio Castello e Gregorio De Ferrari.

Morì a Genova il 19 ottobre 1669.

Opere e Oggetti d'Arte

Disegni