Link alla homepage logo musei di genova header

Chiossone, Edoardo

Centro DocSAI, Collezione Topografica e Cartografica
Nome
Nome:
Edoardo
Cognome:
Chiossone
Nome completo
Chiossone, Edoardo
Altre forme del nome
Nascita
Luogo di nascita:
Arenzano, Italia
Data di nascita:
21-01-1833
Morte
Luogo di morte:
Tokyo, Giappone
Data di morte:
11-04-1898
Wikipedia
Edoardo Chiossone Biografia
Collegamento esterno
Edoardo Chiossone - musei di Genova
Occupazione
Artista e incisore
Altre occupazioni, funzioni e attività
Collezionista di opere d'arte
Link esterni
Data (da)
21/01/1833
Data (a)
11/04/1898
Descrizione

Edoardo Chiossone (Arenzano 1833 - Tokyo 1898), artista e incisore genovese, si recò a Tokyo nel 1875 come oyatoi gaikokujin, "straniero a contratto"; qui venne incaricato dal Governo Giapponese di dirigere l'Officina delle carte e dei valori nel nuovo Istituto Poligrafico del Ministero delle Finanze. A lui si devono le emissioni delle carte valori del Giappone moderno.

Egli produsse circa 500 lastre per banconote, francobolli, titoli ed altre emissioni statali. Fece inoltre importare dall'estero macchine industriali che garantivano un alto livello di stampa e istruì al loro uso i dipendenti giapponesi del Poligrafico.

Nel 1854 con il trattato di Kanagawa, il Giappone cessa il proprio isolamento e si riapre al resto del mondo; da questo momento in poi ha inizio una vera e propria corsa per la modernizzazione del paese. Qui si colloca Edoardo Chiossone, dipendente straniero al servizio del Giappone Meiji e futuro collezionista di oggetti d'arte.

Chiossone non tornerà più in Italia e, alla fine della sua vita, dona la propria collezione alla città di Genova affinché ne venga istituito un museo che la conservi e che sia accessibile al pubblico.

La Collezione Chiossone è attualmente conservata presso il Museo d'Arte Orientale Edoardo Chiossone, una struttura appositamente costruita e realizzata in uno stile architettonico che ricorda le linee e i volumi giapponesi, circondato da un ambiente naturalistico,costituito dal parco di Villetta di Negro.